NOTIZIE DALLA STAMPA



Conferenza unificata, Baretta (MEF) ad Agimeg: "Fino all'ultimo disponibili ad aggiustamenti gestibili della riforma sui giochi"

"Non possiamo dare per scontato che in Conferenza Unificata non ci sarà l'accordo solamente per il parere contrario di una regione, seppur importante come la Lombardia".

Leggi tutto...

Giochi, Baretta (Mef): “Distanza di 150 metri della sale dai luoghi sensibili non è una soluzione timida”

“L’abolizione completa della pubblicità sui giochi sarebbe una soluzione europea. Io propongo che il Governo italiano apra un negoziato con l’Europa per favorire una soluzione condivisa in tutti i Paesi dell’area euro, che arrivi a chiudere e impedire la pubblicità”.

Leggi tutto...

Giochi: riordino del settore all’ordine del giorno della Conferenza Unificata del 25 maggio

Governo ed Enti locali torneranno a parlare della questione dei punti di raccolta del gioco nella Conferenza Unificata, convocata per giovedì 25 maggio alle ore 14.30. Sul tavolo la questione dell’intesa sulle caratteristiche delle sala e la distanza che queste dovranno mantenere dai luoghi sensibili.

Leggi tutto...

Giochi, Tar Toscana accoglie ricorso contro distanziometro: "Non si può proibire un'attività lecita"

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana ha accolto il ricorso del titolare di una sala contro il regolamento per l'apertura e l'esercizio delle sale giochi e degli spazi per il gioco con vincita in denaro” del Comune di Livorno, che vieta l’apertura di sale giochi e spazi per il gioco ubicati entro 500 metri da luoghi sensibili.

Leggi tutto...

Giochi, Baretta (Mef) su sentenza Tar Toscana: "Nogarin solleva problema serio, serve accordo in Conferenza Unificata"

"Il Sindaco di Livorno solleva un problema serio, che condivido: come limitare l’eccessiva diffusione del gioco nel territorio. Ma tra le diverse normative comunali e regionali e le sentenze, contraddittorie, si rischia di non risolvere il problema. Penso convenga, al più presto, definire una regola nazionale che diventi legge.

Leggi tutto...

Giochi, Baretta (Mef): "Il 17 maggio presenterò riordino del settore giochi in Commissione Finanze e tesoro del Senato"

Si terrà mercoledì 17 maggio, alle ore 8:45, in Commissione Finanze e tesoro del Senato l’audizione del sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, sul tema del riordino del settore giochi.

Leggi tutto...

Riforma giochi, Baretta (Mef): “Urgente chiudere discussione con Enti locali e Regioni"

E’ urgente concludere la discussione aperta, in sede di Conferenza Unificata, con gli Enti locali e le Regioni. Non si può più continuare, infatti, in una situazione di confusione normativa, di eccesso di offerta di gioco, di crescita della ludopatia, di assenza di regole”.

Leggi tutto...

Giochi, Baretta (Mef): “Il riordino del settore passa da garanzia livelli di sicurezza per ordine pubblico e giocatori"

“Per contrastare i fenomeni di illegalità e riordinare il settore del gioco legale (ricordo che sono stati oscurati circa 6000 siti illegali di gioco d’azzardo online) – ha proseguito Baretta, segnala Agimeg, nella nota inviata al convegno della Fondazione Bruno Visentini –, la finalità delle relative scelte è quella “di garantire i migliori livelli di sicurezza per la tutela della salute, dell’ordine pubblico e della pubblica fede dei giocatori e di prevenire il rischio di accesso dei minori di età”.

Dobbiamo considerare che l’attività di controllo è uno dei principali obiettivi perseguiti, pertanto il Governo intende adottare una serie di misure volte a: inasprire i controlli contro il gioco illegale, attribuendo competenze specifiche anche agli organi di polizia locale, prevedendo un apposito potere sanzionatorio e l’attribuzione dei relativi proventi ai comuni; agevolare i controlli amministrativi e di polizia sui vari punti di gioco, attraverso il nuovo sistema distributivo del gioco lecito che dovrà fondarsi sull’equilibrio tra il complessivo dimensionamento dell’offerta e la distribuzione sul territorio dei punti vendita di gioco che risulti sostenibile sotto il profilo dell’impatto sociale e dei controlli che possono in concreto essere assicurati dalle autorità a ciò preposte; predisporre conseguentemente un sistema strutturato di vigilanza e di controllo dei giochi che colleghi il rispetto delle normative antimafia e antiriciclaggio con le ispezioni amministrative, le verifiche tributarie e il monitoraggio continuo e capillare delle tecnologie elettroniche e informatiche; introdurre un nuovo modello di governance della vigilanza nel settore dei giochi e delle scommesse improntato a efficacia ed efficienza, basato anche sulla centralizzazione di qualunque dato o informazione giudiziaria riguardanti il gioco d’azzardo”.

 

 “Nel settore occupate, direttamente ed indirettamente, circa 150 mila persone”


“Non da ultimo va ricordato che il gioco legale costituisce un volano importante per la nostra economia (circa 1,1% del Pil) e nel settore – ha concluso la nota del sottosegretario Baretta, ricorda Agimeg - risultano occupate direttamente e indirettamente, complessivamente circa 150 mila persone, tra i dipendenti dei concessionari, dei gestori e dei produttori di apparecchi (complessivamente circa 30 mila), i lavoratori dell’indotto (manutenzioni apparati tecnologici sul territorio, supporti commerciali, etc.) e la forza del lavoro che nei punti di vendita si dedica alla gestione dell’attività di gioco”.

 

(Agimeg/lp)

 

Giochi, Baretta (Mef): "La riduzione delle slot va fatta. Se l'intesa salta, faremo un decreto"

"Il Governo ha di fronte una grande responsabilità e la riduzione delle slot va fatta. Se servirà, anche per decreto". E' quanto ha detto il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta in un'intervista al quotidiano La Stampa.

Leggi tutto...

Giochi, Baretta (Mef): “Più trasparenza ed accessibilità ai dati economici su Newslot e Vlt”

"I dati sui flussi delle giocate e sull’utilizzo delle macchine, man mano che andrà a regime il controllo da remoto, saranno facilmente disponibili e più omogenei possibile a livello nazionale. Concordo sul fatto che i dati sui flussi finanziari debbano essere a disposizione dei decisori locali. Una parte sono già pubblicati sui siti dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ma se ci fosse bisogno di quei dati non ci deve essere nessuna reticenza nel fornirli".

Leggi tutto...

Giochi, Baretta (Mef): "Favorevole al divieto totale delle pubblicità"

"Nel momento in cui abbiamo deciso di ridurre del 30% le macchinette, quindi la diffusione sul territorio si riduce da 400mila a 260mila, di dimezzare i punti sul territorio, di introdurre le distanze e di prevedere delle interruzioni per il gioco, mettiamo nel conto anche una perdita di entrate.

Leggi tutto...

Informazioni aggiuntive