Riforma giochi, Baretta (Mef): “Urgente chiudere discussione con Enti locali e Regioni"

E’ urgente concludere la discussione aperta, in sede di Conferenza Unificata, con gli Enti locali e le Regioni. Non si può più continuare, infatti, in una situazione di confusione normativa, di eccesso di offerta di gioco, di crescita della ludopatia, di assenza di regole”.

 

E’ quanto dichiarato - segnala Agimeg - da Pier Paolo Baretta, sottosegretario Mef, in una nota inviata agli organizzatori del Rapporto 2017 della Fondazione Bruno Visentini. “Per questo – ha continuato – abbiamo proposto di ridurre del 30% le slot, di dimezzare i punti gioco (che oggi rasentano i 100 mila), di adottare un equilibrato criterio di distanze (150 metri) da luoghi sensibili quali le scuole e i luoghi di culto e i sert. Si tratta di una svolta importante nell’approccio al gioco pubblico che chiede una assunzione di responsabilità da parte di tutti. Le persistenti polemiche non colgono l’urgenza di decidere e sottovalutano che il Governo ha proposto soluzioni che fino a ieri sembravano impensabili. Spero che prevalga la saggezza e che si raggiunga una intesa. In ogni caso non possiamo lasciare la situazione così”.

 

(Agimeg/lp)

Informazioni aggiuntive